di Alessandra Daniele

Un anno dopo il terremoto, solo il 10% delle macerie è stato rimosso.
La ricostruzione non è neanche cominciata.
Le casette prefabbricate garantite entro Natale non sono arrivate neanche per Ferragosto.
Sgombero, rilancio, esenzione fiscale… tutte promesse renziane, ovviamente tutte cazzate.
Intanto però l’incazzatura popolare continua ad essere efficacemente deviata verso capri espiatori e bersagli simbolici.
Laura Boldrini ha annunciato che cercherà di difendersi per vie legali dalla costante fiumana di insulti e minacce di stupro che le viene costantemente scaraventata addosso sul web. Il Tempo ha titolato a nove colonne “Taci, il nemico ti ascolta – Come se, fra lodi ai profughi e sparate antifasciste, servissero altri motivi per non sopportarla”.
Il Tempo di Roma trova insopportabile il fatto che una donna sia esasperata da anni di insulti e minacce di stupro, ma soprattutto trova insopportabile l’antifascismo.
Qualche anno fa questo avrebbe suscitato qualche polemica, oggi non farà altro che conquistare all’araldo dei palazzinari e degli sfruttatori un po’ di nuovi lettori fra gli sfruttati, perché al Fascismo è riuscito di nuovo il trucco di spacciarsi per l’unico vero difensore e vendicatore delle classi subalterne, quando invece è sempre stato uno strumento dei padroni.
La colpa storica, politica, e culturale di questa ricaduta è di quel Centrosinistra elitario, oligarchico, e affiliato all’establishment finanziario, col quale anche Laura Boldrini viene genericamente identificata, cosa che fa sentire i facebookinari moralmente autorizzati a vomitarle addosso insulti e minacce di stupro, a volte senza neanche il riparo dell’anonimato, tanto sono certi d’essere dalla parte della ragione.
Il Fascismo ormai è mainstream.
Il Tempo ha poco da sopportare. La sparata fascista è ormai la reazione mainstream al disagio e al sopruso.
E il neonazionalismo dilaga con supremo sprezzo del ridicolo.
Salvini twitta “La cittadinanza italiana bisogna guadagnarsela”. Cos’ha fatto Salvini per guadagnarsi la cittadinanza italiana, a parte nascere in Italia, e vegetare per vent’anni in un partito secessionista che esortava a pulirsi il culo con la bandiera italiana, e ancora oggi si definisce Lega Nord per l’Indipendenza della Padania?
La pretesa di superiorità basata sulla “purezza del sangue” è particolarmente grottesca da parte d’un popolo come gli italiani, col DNA storicamente più bastardo del mondo. Eppure endemicamente razzista.
La complicità del Centrosinistra coi peggiori sfruttatori nazionali e internazionali ha riconsegnato l’Italia al peggiore spettro del suo passato, quello che il nostro paese ha generato ed esportato in tutto il mondo.
Un parassita che continua a crescere ogni volta che si nutre, e che alla fine immancabilmente uccide l’ospite.
E che difficilmente s’accontenterà d’un governo Minniti come spera il PD, benché il ministro, la testa più lucida dell’esecutivo Gentiloni, stia facendo di tutto per corrispondere ai requisiti del caso.

Share
Tagged with →