di Alessandra Daniele

RenzilonDopo aver promesso palingenesi e apocatastasi, il governo Renzi cerca di rifilare tagli alla sanità e leggi bavaglio esattamente come tutti gli altri governi degli ultimi vent’anni, annunciando futuri sgravi fiscali realistici quanto i capelli di Berlusconi, e mendicando i voti dei detriti che continuano a percolare dalla sua discarica in decomposizione. Scilipot Valley.
La bolla renziana s’è sgonfiata così in fretta e così miseramente da meritarsi una puntata speciale dello show Meteore.
La trasmissione potrebbe aprirsi col debutto del piccolo cazzaro fiorentino: la partecipazione giovanile al quiz di Mike, il maestro delle televendite.
Il primo blocco si potrebbe chiudere con un montaggio accelerato delle televendite renziane del fantasmagorico Cronoprogramma, sulla musica di Benny Hill.
I Fiumi di Parole dei Jalisse saranno ricordati con molto più rispetto dei torrenti di cazzate di Renzi.
Ai suoi interventi in inglese poi andrebbe dedicata una speciale mini edizione di Paperissima all’interno di Meteore.
Per quanto sia stato sopravvalutato in patria, Renzi all’estero non è mai stato preso sul serio. Eppure è proprio li che si rifugia sempre più spesso, perché il teatrino dei vertici internazionali è l’unico che gli consenta ancora di recitare il suo ruolo di giulivo piazzista. “Come to Italy, we have Michael Angelo”.
Finire di svendere l’Italia in fondo è sempre stato il suo vero compito. L’unico che sia riuscito a svolgere.
L’Unione Europea è un Circo delle Pulci. Renzi è la pulce che si vanta d’essere la prima a saltare quando il domatore schiocca il frustino.
Aveva promesso di cazziare la Merkel. Non riesce neanche a cacciare Marino, che rimpasta tranquillo la sua giunta mentre Fiumicino diventa un sequel di Paranormal Activity.
Come to Italy, we have haunted airports, and Florence turned into a swamp.
In Italy, Meteor Renzi è ormai circondato da nemici, ed è esattamente quello che si merita.
La classifica di chi lo odia di più vede ovviamente in pole position la minoranza PD che cerca inutilmente di schiacciare da un anno, fallendo come in ogni altro campo.
Poi i convertiti che avevano previsto e auspicato un ventennio di renzismo, e che adesso non gli perdonano d’averli attirati su un carro del vincitore che ha cappottato alla prima curva, lasciandoli a gambe all’aria sul selciato fra gli sguardi schifati dei passanti.
Dopo la prossima legge finanziaria – l’unica cosa che interessi davvero agli sponsor di Renzi – s’aprirà ufficialmente la stagione di caccia al cazzaro.
La sedicente Era Renzi sarà smantellata prima ancora d’essere stata finita d’allestire, come un padiglione dell’Expo.

Share
Tagged with →