di Alessandra Daniele

Bum.jpgL’apparenza inganna? Non sempre. Guardate Alfano. Brunetta. La Russa. Calderoli.
Oggi inoltre potrete riconoscere a prima vista i fans di Lost: sono dello stesso umore dei tifosi romanisti.
Anche George Bush jr. figlio di George Bush sr. si riconosceva a prima vista: il Trota americano. Obama invece, sembrava un po’ più intelligente. Eppure, prima che il metodo del Siringone funzionasse (sul pozzo petrolifero, non su di lui) pare che stesse considerando la possibilità di tappare la perdita di petrolio nell’oceano con una bomba atomica.
Dev’essere anche lui un fan di Lost.
Alla Protezione Civile italiana però la Bomba è subito sembrata un’ottima idea per risolvere alcuni fra i problemi del nostro paese. Vediamo l’elenco compilato per il ministero:


Le macerie dell’Aquila

Liquefatte, o spazzate via dall’onda d’urto, insieme a tutto ciò che resta di una città ormai obsoleta. Il cratere radioattivo rimanente potrebbe diventare il primo sito designato per la costruzione delle nuove centrali nucleari italiane. Tanto, sarebbe già radioattivo. Per ottimizzare i risultati, si consiglia di effettuare il lancio durante una manifestazione di terremotati, possibilmente alla quale sia stata invitata a partecipare anche Sabina Guzzanti, il tutto ripreso dalla troupe al completo di Annozero, compresi Santoro, Travaglio, e Vauro.

La spazzatura a Palermo

Vaporizzata meglio di quanto qualsiasi inceneritore potrebbe fare, e più o meno con gli stessi rischi per la salute dei cittadini. Un’esplosione atomica otterrebbe inoltre il risultato di rimediare definitivamente alla spaccatura del PDL siciliano, evitando che si propaghi ulteriormente a quello nazionale. La distruzione totale di Palermo potrebbe infine essere presentata come un importante passo avanti nella lotta alla Mafia che, grazie alle fiction Mediaset, i cittadini italiani ormai considerano limitata a quell’area. Lo sgancio della bomba andrebbe celebrato da un’altra fiction apposita, con Raul Bova nella parte del pilota, e Manuela Arcuri in quella della bomba.

I cassintegrati dell’Asinara

La loro protesta ha raggiunto un grado di visibilità eccessivo, danneggia l’economia percepita, e sottrae spazio sui media a notizie ben più importanti come l’invenzione del mascara per cani, o dell’abito da sposa in carta assorbente. Oltre a eliminare il problema dei cassintegrati alla radice, e servire da monito agli altri numerosi lavoratori in lotta, l’atomica avrebbe il pregio di liberare l’Asinara dal dequalificante ex-carcere, e renderla disponibile come terzo sito per la costruzione delle nuove centrali nucleari. Purtroppo però l’effetto delle radiazioni sulle telecomunicazioni impedirebbe la trasmissione di un nuovo reality dal titolo ”L’isola dei Disintegrati”

L’elenco della Protezione Civile prosegue poi con una lunga lista di persone da trasferire sui tre luoghi designati prima dello sgancio delle bombe.

Share
Tagged with →