Schermata 2014-08-24 a 11.24.44Il sistema di potere consolida i suoi riferimenti politici e storici.

di Nico Macce.

In tempi di ICE BUCKET CHALLENGE, in cui i vip e i potenti si lavano la coscienza con secchiate di acqua ghiacciata, il secchio dell’oblio non manca neppure nel PD.
Alla Festa Democratica nazionale, che ha ancora la spudoratezza di chiamarsi de l’Unità dopo la fine miserevole del suo giornale, si celebrerà De Gasperi.

Qualcuno può parlare di trasformismo ed evidenziare la forte evocazione democristiana dentro il PD, non ultime le lisciate a Fanfani della Ministro smantella Costituzione Maria Elena Boschi.
In realtà, ciò che sfugge ai più del grande popolone ex-PCI, è il fatto che il PD non è altro che la forza politica che ha unito gli avanzi di galera democristiani, di balera socialisti e di nomenclatura post-comunisti.

Quindi, nessun stupore per la consacrazione di Alcide l’amerikano al pantheon del partitone erede della Prima Repubblica. De Gasperi, lo ricordiamo, è il “grande statista” artefice del vassallaggio del nostro paese nei confronti degli USA, quello della celere contro gli operai e dei carabinieri contro i braccianti, dei morti di Modena, Marghera, Parma, Celano, delle leggi liberticide di Scelba, delle migliaia di arresti di sindacalisti e militanti del PCI, di Gladio e dell’OSS, del protagonismo mafioso nel territorio nel Mezzogiorno e delle sue collusioni con la DC.

Ma va compresa un’altra cosa: che i numi tutelari del PD sono due: De Gasperi con il suo allineamento alle politiche reazionarie del capitalismo statunitense, di continuismo burocratico del vecchio stato fascista e di sostegno al capitalismo familista e parassitario nostrano, della macchina da guerra anticomunista delle migliaia di parrocchie nel dopoguerra, ma anche Togliatti con lo snaturamento di una visione di classe a favore di una sorta di nazionalismo in salsa fideistico-statalista.
Tra restaurazione e riformismo si è spento l’orizzonte di un cambiamento rivoluzionario della società.

Entrambe queste figure costituiscono il punto focale dell’egemonia borghese, sul piano politico, sociale e culturale, sull’intera società italiana. Ben prima del pensiero unico neoliberale, questo grande campo reazionario ha edulcorato i conflitti sociali, i sindacati, da Qualsiasi prospettiva di cambiamento.
Già nel gradualismo togliattiano si intravedeva un uso della grande forza sociale del più grande partito comunista d’Occidente, tutta interna agli orizzonti angusti della società capitalista. Con la velleità, questa sì utopica, di poter governare un sistema sociale iniquo e di forte diseguaglianza sociale senza la lotta per abolire le premesse di tale contraddizione: la proprietà dei mezzi di produzione, l’egemonia del privato, il potere statale della borghesia.

Con il senno di poi vediamo che il privato odierno ha distrutto qualsiasi visione gradualista, fagocitando anche il movimento cooperativo, trasformandolo con il modello “Emilia” in un dispositivo di comando autoritario e ricattatorio su una forza-lavoro sempre più debole e frammentata, precaria e a salario da fame.
Togliatti non c’entra con Poletti? De Gasperi ringrazia.

Certo, per il PCI il percorso è stato lungo e contraddittorio. Una traiettoria difficile da prevedere, almeno fino agli anni ’70, quando il PCI di Berlinguer scelse di combattere il movimento antagonista, l’autonomia di classe che esprimeva parti del movimento operaio dell’epoca e le nuove figure della composizione sociale del lavoro.

Per chi queste cose le ha ben chiare, per chi le ha vissute nei teoremi calogeriani, nei carri armati del marzo bolognese, non c’è stupore nel vedere De Gasperi e Togliatti insieme, Fioroni e D’Alema, Franceschini e Mauro Roda, Renzi con al sua corte di bimbi minkia spregiudicati e Bersani.
La forza reazionaria che sta gestendo il comando neoliberista delle tecnocrazie dell’Unione Europea, le sue politiche di massacro sociale, sulla società italiana e nel mondo del lavoro, sta ricomponendo, insieme alle sue anime nere, una visione del mondo unitaria, una storia condivisa. Ora che hanno il mandato dei poteri forti della finanza, dei circoli del capitale multinazionale di qua e di là dell’oceano. Ora che la Costituzione è proprio e definitivamente carta straccia.

Share