di Carlos A. Lungarzo *

BattistiFiglieQuasi tutti hanno capito (anche se la maggioranza finge il contrario) che, dal 2007, il caso Battisti non è stato altro che una sequenza infame di provocazioni senza senso, di desideri di vendetta e di manovre dell’opposizione per far fallire il governo del PT. In questo post mi riferisco all’ultima e più truculenta di tutte: un membro del MPF (Pubblico Ministro federale) del DF (Distretto Federale, cioè la capitale Brasilia, ndt), sconosciuto all’opinione pubblica ma assoggettato agli interessi dei partiti d’opposizione di destra, ha presentato una ACP (Azione Civile Pubblica) nel 2011 per far revocare il permesso di soggiorno di Cesare Battisti in Brasile. Tale notizia è stata diffusa poco e l’azione è rimasta archiviata fino al momento in cui non s’è presentata l’occasione ideale. La situazione è arrivata: il piano golpista della destra e il caso Pizzolato. La giudice Adverci Rates Mendes de Abreu ha emesso una sentenza che, oltre al suo ovvio carattere “a richiesta”, è così contradditoria, fallace e illegale che il mio tentativo d’analisi può sembrare d’una facilità innecessaria. Ciononostante preferisco non semplificare perché, alla fine, ciò che sta dietro tutto questo è importante: golpisti civili e non civili, mercanti dell’oscurantismo, finanzieri, impresari e interessi stranieri.

In un paese in cui le persone che vogliono sostituire la scienza con la superstizione e quelle che esportano benzoilmetilecgonina (volgarmente, cocaina) si considerano in diritto di competere per la massima carica dello stato (il riferimento è al candidato del PSDB-Partito SocialDemocratico Brasiliano, Aecio Neves, sconfitto alle presidenziali del 2014 da Dilma Roussef, del PT-Partito dei Lavoratori, ndt), tutto può succedere.

Anticipando la conclusione

Ciò che tutti sappiamo, ma che ora vogliamo mostrare, è che: la legge sugli stranieri proibisce la permanenza di uno straniero processato all’estero per reati passibili d’estradizione, però…

L’estradizione è stata negata dal potere esecutivo. Ve ne ricordate? Quindi Battisti non è più soggetto all’estradizione. Già lo è stato fino all’8/6/11, ma non lo è adesso.

A tutti gli stranieri, la cui estradizione è stata rigettata, è stato istruito un processo per l’estradizione. E’ chiaro? Se qualcuno impedisce l’estradizione di Tizio, è perché qualcuno ha richiesto l’estradizione di Tizio e, pertanto, Tizio è stato accusato di qualche reato. Non è così? In Brasile negli ultimi decenni sono stati realizzati oltre mille processi per estradizione (quella di Battisti è la numero 1085) e centinaia di questi sono finiti con un rifiuto o negazione. Cioè la persona non è stata estradata. Dunque tutte quelle persone sono state condannate o giudicate, o per lo meno indiziate all’estero per un reato per cui era prevista l’estradizione. Pertanto la pittoresca giudice dovrebbe chiedere immediatamente l’annullamento del permesso di soggiorno e la deportazione di almeno 500 persone.

Come ha detto (e vedremo dopo) Maierovitch, la legge sugli stranieri non può essere interpretata liberamente perché questo conduce a dei paradossi.

Giudicare circa l’autorizzazione dell’estradizione è competenza del STF (Tribunale/Corte Suprema Federale), ma non lo è quella della sua esecuzione che spetta, invece, al potere esecutivo. Se l’estradizione o la deportazione fossero di competenza del potere giudiziario, allora certamente nessun giudice, per quanto possa essere contrario, potrebbe porsi al di sopra del STF che ha chiuso il caso in data 9/6/2011 alle ore 00:44.

Infine va detto che la legge 6851 fu inviata al Parlamento dal dittatore Figueiredo (1979-1985), su richiesta del sanguinario tiranno argentino Rafael Videla, il quale voleva la deportazione di oltre 20.000 argentini che abitavano in Brasile. In quel momento tutto il MDB voto contro, salvo Brossard. Favorevoli furono i deputati della dittatura (ARENA) che avevano una maggioranza risicata. L’allora deputato della città di Bahia, Chico Pinto, disse che la legge era fascista e stalinista. Niente di più esatto. Ebbene, ora un po’ di storia di questa sporca faccenda, poi gli argomenti e le conclusioni.

I fatti che hanno portato alla ACP

Il 31/12/2010 il presidente uscente del Brasile, Lula da Silva, firmo um decreto in cui rigettava l’estradizione richiesta dall’Italia nel caso Ext 1085, cosa che, secondo la legislazione nazionale e la CF, chiudeva definitivamente il caso.

All’epoca i magistrati Marco Aurélio e Ayres Brito protestarono contro l’esigenza (totalmente illegale e antigiuridica) di Peluso, il quale s’opponeva alla liberazione di Battisti e perse tutto il tempo che era possibile nel giudicare la decisione contraria all’estradizione. Inoltre quel giudizio era innecessario e fu una manovra sporca di alcuni magistrati.

Il giurista Luis Roberto Barroso ricordò come queste pratiche facevano tornare indietro la giustizia ai tempi di quella “disfunzionalità” chiamata “dittatura”.

Siccome Peluso, insieme a Mendes e Ellen, aveva dalla sua la forza bruta, visto che era sostenuto dai media e dalla destra parlamentare, è riuscito a prendere tempo di fatto fino all’8 giugno 2011.

Quel giorno Mendes entrò in una specie di delirio subitaneo e fece un discorso non-sense (molto più che d’abitudine), ripetendo fino a sette volte frasi grottesche (per esempio disse che il Tribunale Supremo Federale non era un club di ricreazione poetica [sic]). Lady Ellen fece un commento pieno da ultra-snob in cui paragonava la “arroganza” di Lula alla umiltà della Regina d’Inghilterra. Sarebbe potuta andare peggio: per lo meno non hanno parlato delle tecniche di corteggiamento o dell’etichetta a tavola, il che fu molto prudente da parte loro.

Peluso mantenne la serietà che caratterizza gli inquisitori e i boia più apprezzati. Dopo aver perso per 3 voti contro 6, Peluso s’indignò, accusò Lula di illegalità e disse che “nonostante tutto avrebbe accettato la decisione della maggioranza”, suggerendo che, se avesse voluto, avrebbe comunque potuto ribellarsi alla decisione. Di fatto, quando Barroso salì sul palco e chiese un’ordinanza di rilascio, Peluso lo guardò in cagnesco e disse che più tardi l’avrebbe scritta.

A partire da quel momento, Cesare Battisti fu messo in libertà, anche se doveva risolvere il suo status giuridico per il soggiorno. Non è la prima volta che il Brasile nega un’estradizione. Ci sono alcune centinaia di casi e in tutti, eccetto quattro, sempre è stata data l’opzione all’ex estradabile di restare nel paese come residente permanente. I casi in cui questo non è accaduto si spiegano col fatto che gli ex estradabili hanno optato volontariamente per recarsi in un paese terzo. Vale la pena sottolineare che il giudice Marco Aurélio de Melo ebbe l’onestà di dire che Battisti avrebbe potuto richiedere un’indennità per stato imprigionato illegalmente durante un lungo periodo.

Un fatto deve rimanere chiaro. Anche i più onesti e impegnati difensori di Battisti commettono degli errori che pregiudicano la sua difesa e gettano benzina sul fuoco delle menzogne dei mass media. Per esempio:

Lula non ha dato lo status di rifugiato a Battisti. Questo status era stato dato da Tarso Genro e fu cassato da un’intromissione inconcepibile del STF il 9/9/2009, violando il principio di separazione dei poteri.

Dopo essere stato liberato il 9/6/2011, Battisti è diventato uno “straniero ex estradabile” in attesa della normalizzazione della sua permanenza in Brasile.

Proprio dopo la sua liberazione il Consiglio Nazione dell’Immigrazione (organo del MTE) há concesso a Battisti la residenza permanente e ha inviata, quindi, alla polizia federale la richiesta per ottenere la condizione di residente permanente. Nell’agosto 2011 la condizione di residente permanente venne concessa dalla polizia federale di San Paolo, in un processo amministrativo assolutamente valido che non fu viziato da nessuna irregolarità. Quel giorno venne stilata anche una carta d’identità da residente permanente che è identica, tranne che per il numero e la foto, a quella che possiedono tutti gli stranieri in Brasile, includendo quelli che non sono accusati di nulla. E’ falso, quindi, totalmente falso, che Battisti abbia ottenuto una condizione migratoria ristretta o limitata.

Riassumendo: Cesare Battisti dall’agosto 2011 possiede una residenza permanente in brasile che può essere annullata, secondo la legge sugli stranieri, solo dal capo di stato e con l’assenso del STF. L’anagrafe nazionale degli stranieri sarà rinnovata nel 2019, ma questa pratica serve solo ad aggiornare i dati e non può cambiare la situazione migratoria di Battisti che resta la stessa di qualunque altro straniero che si è stabilito definitivamente in Brasile e che non è ancora stato naturalizzato. Non è un visto precario da rifugiato, da chi ha ottenuto l’asilo politico, da temporaneo o simili.

Il pubblico ministero carica l’AK-47

Il 13 ottobre 2011, cioè 127 giorni dopo la liberazione di Battisti, l’MPF (Ministero Pubblico Federale) del DF (Brasilia) presentò una Azione Civile Pubblica (ACP) contro il governo federale in cui Battisti figurava come “in attesa di giudizio” o “col processo in sospeso” (lett. “litispedente”, secondo una figura giuridica presente in alcuni paesi dell’America Latina, ndt). Il caso era affidato al procuratore Hélio Heringer. Questi non ha molte menzioni su Google, tanto per collocarlo. Fa cose di routine in procura. E’ diventato più o meno noto quando si lanciò nell’indagine sui due figli di Lula per cui credette di scorgere il famoso fantasma della corruzione. Ma pare che non abbia scoperto nulla. Heringer presentò un’accusa il cui colpevole principale era il governo federale, accusato dia ver violato la legge con la concessione a Battisti della residenza permanente. Il “litispendente”, in sospeso, era Cesare Battisti.

A questo link alcuni dettagli. Per risparmiare al lettore lunghe pagine di stupidaggini, riporto qui il paragrafo centrale con l’argomento del Pubblico Ministero: “In questo modo, essendo reati dolosi e soggetti a estradizione secondo la legge brasiliane, non deve essere concesso il permesso di soggiorno da straniero a Cesare Battisti”. Per chi non trova ovvia la fallacia, mi si permetta un tentativo profano di dare una spiegazione. La Legge nº 6.815, del 19 agosto 1980, articolo 7, dice, al comma IV, che non si concederà il visto allo straniero “condannato o processato in un altro paese per un reato doloso, passibile d’estradizione secondo la legge brasiliana”. Osservate che la legge stabilisce due condizioni simultanee:

  • Non deve essere condannato per un reato doloso,
  • Il reato non deve essere passibile d’estradizione in Brasile.

Ossia non è sufficiente che lo straniero sia condannato per un reato doloso. Deve anche essere suscettibile d’essere estradato secondo la legge brasiliana.

Per esempio fare le gare in macchina è un reato con dolo eventuale in Brasile. Ora, se uno straniero è sotto processo per aver ferito qualcuno in una gara, non è chiaro se sarà estradato o no. Allora, quasi ci siamo. Affinché a qualcuno venga impedito di ottenere il visto, è necessario che questa persona possa essere estradata, non solo che il reato sia doloso: lo straniero deve essere estradabile. Tale persona è colei che, in funzione della sua condanna, deve essere restituito al suo paese, consegnato alle autorità che lo richiedono. Però questa situazione non si verifica in questo caso per due motivi.

Il potere esecutivo ha negato l’estradizione il 31/12/2011, una facoltà dell’esecutivo che già era stata autorizzata dal STF nel novembre 2009 e chef a parte delle prerogative presidenziali in virtù della CF (Costituzione Federale), della giurisprudenza nazionale e delle convenzioni internazionali.

Perché il STF per 6 voti contro 3 (Mendes, Peluso e Ellen Gracie) ha sostenuto la decisione del potere esecutivo e ha ordinato la liberazione immediata di Battisti

Quindi Battisti è stato estradabile fino al 31/12/2010 o, se volessimo essere ancora più precisi, fino al 9/6/2011, ma, quando è uscito di prigione, non era più estradabile. Quando ha fatto i suoi documenti nell’agosto 2011, il processo d’estradizione era chiuso.

Oso congetturare che la giudice ha capito che mettersi a giocare con l’estradizione poteva costarle un facile smascheramento e ha preferito seguire il suggerimento del PM di deportare Battisti e non estradarlo. Ma anche questo sarebbe illegale.

Secondo la legge 6851 allo straniero è vietato possedere documenti o può vederseli cancellare solo se è ancora estradabile. Cioè non si possono annullare in qualunque momento i documenti di uno straniero per la semplice volontà di un burocrate al servizio di chissà chi. Se si vuole espellere uno straniero dal pese, tramite deportazione a luoghi determinati oppure con una semplice espulsione, una volta che questi ha in mano i suoi documenti da residente, ci vuole l’autorizzazione del capo di stato, con l’assenso del STF, ma avere la sicurezza del fatto che non si stanno violando i diritti dello straniero è responsabilità della Corte.

L’opinione di Maierovitch

La azione/accusa (ACP) presentata dal PM federale di Brasilia era ovviamente tanto inconsistente che solo è stata difesa dalla più becera destra brasiliana. Le persone con qualche nozione di diritto, inclusi i nemici di Battisti, hanno riconosciuto che si trattava di una sparata.

Persino il giurista Walter Maierovitch, che è stato colui che più sforzi e tempo ha profuso per ottenere l’estradizione di Battisti, ha criticato la proposta del PM federale. Maierovitch ha attaccato Battisti molte volte con argomenti non totalmente esatti, come quando ha affermato che il sindacalista Guido Rossa, informatore del PCI, era stato assassinato da Prima Linea, quando in realtà erano state le Brigate Rosse. Tuttavia in questo caso della ACP ha mostrato molta oggettività, cosa che sconcertò gli altri nemici di Battisti che pensavano di trovare in lui un sostegno. Ecco le sue parole: “L’azione proposta dal PM di Brasilia in riferimento all’annullamento del permesso di soggiorno e di lavoro concesso a cesare Battisti in Brasile soffre, con il dovuto rispetto, di una forte miopia” (a questo link il commento originale completo)

Le conseguenze dell’azione del PM federale

L’azione del PM non è stata lanciata per caso. Alcuni si chiedono perché il PM avrebbe fatto una cosa così ridicola. Il fatto è che quell’azione sarebbe ridicola altrove, ma non in America Latina, dove nessuno sa quali siano i propri diritti, salvo le élite che poi sono quelle che fabbricano quei diritti. Gli obiettivi in quel momento erano:

  • Rinforzare le bravate dell’Italia che ha minacciato di ricorrere, senza poi farlo, al Tribunale de l’Aia e addirittura, usando gruppi privati, ha lasciato intendere che avrebbe catturato Battisti con la forza, cosa che fu approvato da alcune televisioni brasiliane.
  • Accendere l’odio contro il PT il cui trionfo elettorale per la terza volta aveva reso isterica la destra. E oltre a questo c’erano le solite ragioni di sempre legate al grande odio che alimenta uno stato di polizia e inquisitoriale contro le persone di sinistra, aperte o veramente democratiche. Ci sono state alcune conseguenze dirette e un’altra non tanto.

La più sorprendente di quelle dirette è stata un’azione condotta da un giudice il 4 agosto 2012. Un giudice federale del 20esimo distretto, anche lui di Brasilia, Alexandre Vidigal, ha richiesto un’indagine della polizia per identificare il domicilio di Battisti. Allo stesso tempo in Italia oltre 5000 blog, giornali e riviste elettroniche stavano diffondendo notizie allarmiste del tipo: “Battisti desaparecido”, “Battisti fugge ancora”, “La giustizia brasiliana cerca Battisti”.

Il motivo dell’estemporanea azione del giudice era che, secondo lui, non si sapeva dove si trovava Battisti. Ma, in quello stesso momento, lo scrittore stava presentando il suo ultimo libro nelle librerie dello stato di Rio Grande do Sul. Sarà che il giudice non ne aveva avuto notizia? Vi furono altri fatti isolati di cui è facile immaginare le origini. Per esempio un giovane che ha finto d’essersi alterato per la “rabbia” ha simulato il sequestro di un di un concierge di un hotel di Brasili il 9/9/2014, richiedendo a gran voce la “rinuncia di Dilma” e “l’estradizione di Battisti”.

Dopo ciò la ACP del pubblico ministero è restata in letargo per tre anni nell’ufficio del 20esimo distretto federale di Brasilia. Perché tanto tempo?

Sentenza avversa

Alla fine la settimana scorsa uma giudice há scoperchiato il vaso di Pandora, sostenendo che non sono la stessa cosa una deportazione e un’estradizione. Meno male che ci ha fatto la gentilezza d’informarci! Facciamo attenzione a questo: nessuno sta dicendo che la giudice, almeno ufficialmente, stia chiedendo l’estradizione di Battisti. D’accordo. Lei lo vuole deportare in altri paesi come il Messico e la Francia, dunque non in Italia. Questa non sarebbe, in apparenza, un’estradizione. Ma osserviamo.

Il PM, nel proporre la ACP, e la giudice, nel momento in cui decide di accettarla, usano (loro e non noi) il concetto di estradizione per qualificare il presunto crimine di Battisti.

C’è dell’altro. Quello che ha detto la giudice, cioè che l’estradizione e la deportazione sono istituti molto differenti, è pura teoria. Nella pratica sono molto simili, e comunque, a meno di una giornata di volo tra l’aeroporto Benito Juárez di Città del Messico e Fiumicino.

Dato che il Messico non ha nulla contro Battisti, questo paese lo riceverà, ma l’Interpol è già autorizzata a portarlo in Italia da qualunque luogo in cui lo troverà. Non può farlo solamente in Brasile perché qui è ufficialmente un “immigrato” con documenti legittimi di soggiorno. Anche se la situazione con la Francia fosse differente, la proposta di mandarlo lì è un’altra provocazione. Battisti non è obbligato ad andare in nessun paese. E’ uno straniero che ha gli stessi diritti miei e di altri 300.000 stranieri che vivono in Brasile.

Qual è l’obiettivo di tutto ciò?

Questi i più importanti. Utilizzare il caso Battisti, come già è stato fatto altre volte, per forzare il ritorno in Brasile del sindacalista italo-brasiliano Henrique Pizzolato (su questo caso: Link 1 – e i nessi con la situazione di Cesare Battisti: Link 2). Ormai in Italia le scorie fasciste che occupano tutti gli spazi dello stato stanno celebrando l’ennesimo passo avanti della loro vendetta. Sono così contente che consegnerebbero perfino il Papa o alcuni capi della mafia pur di recuperare Battisti.

Contribuire alla enorme tempesta golpista che la destra brasiliana, uscendo da tutti gli anfratti in cui vive, sta promuovendo dalle ultime elezioni.

Il caso Battisti ha un peso minimo, ma la destra non spreca niente. La questione dell’inchiesta sul mensalão (lett. “la mensilità o mensile”, scandalo scoppiato nel 2005 relativo alla compravendita di voti in parlamento che ha coinvolto alti dirigenti del partito di governo, il PT, ndt), di Petrobrás (compagnia petrolifera statale brasiliana i cui ex dirigenti sono coinvolti in processi per corruzione, ndt) e, tra altri infiniti pseudo-casi, il caso Battisti, sono esplosivi dal potenziale differente, ma tutti servono. Mandare Battisti a morire in Italia non è così importante per la destra come vendere la Petrobras. Ma è pur sempre una consolazione. Nemmeno l’Inquisizione guadagnava qualcosa di concreto mandando adolescenti al rogo, ma soddisfaceva l’odio, la demenza e il sadismo di mistici e bellicisti.

 *Attivista e accademico argentino, autore del saggio: Os cenários ocultos do caso Battisti (Geração, 2013, pp. 384, 45 Rs). La Prefazione del libro in italiano è Qui – Introduzione in italiano LINK qui 

Blog di Carlos lungarzo e articolo originale: link

Geraldina Colotti su Battisti e lotta armata @Radiondadurto LINK Intervista

[Traduzione dal portoghese di Fabrizio Lorusso]

Share