di Alessandra Daniele

kabulNon ho mai visto I Cannoni di Navarone.
Non ho mai visto Salvate il Soldato Ryan.
Non guardo serie belliche o parabelliche, Band of Brothers, Falliing Skies, Homeland, non importa quanto trash o trendy diventino, e se una serie che guardo s’infila in uno story arc bellico che non sia satirico o di denuncia, di norma la mollo.
Non guardo i bollettini coccodrilli che piangono il massacro di Aleppo, ma vantano la reconquista della Tripolitania come una medaglia olimpica.
Non sono il tipo di persona che è contraria alla guerra per motivi ideologici e/o umanitari, ma poi la trova affascinante al cinema e nelle news.
A me la guerra fa schifo.

Non sopporto la retorica patriottica, la mistica del sacrificio, della fratellanza d’arme, sono convinta che il primo nemico di ogni soldato sia sempre chi lo ha spedito al fronte.
Non sopporto il massacro predatorio mascherato da impresa eroica, da intervento umanitario, da Scontro di Civiltà.
Uno dei motivi per cui apprezzo gli zombie movies è perché decostruiscono la retorica bellica, strappano via tutta la facciata glamour smascherando lo scheletro putrido e cannibale che c’è sotto.
Quando non lo fanno, quando s’arruolano come quella cagata di WWZ mi ripugnano quanto American Sniper.
C’è qualcosa che mi manca molto della Guerra Fredda: il fatto che un’eventuale guerra termonucleare globale fra USA e URSS sarebbe durata solo pochi minuti.
Non ci sarebbe stato tempo per Emilio Fede di esultare per le prime bombe, perché sarebbero state anche le ultime.
L’umanità però non poteva tollerare a lungo che l’unica mossa vincente del suo gioco preferito fosse non giocare, e così per la prima volta nella Storia l’escalation bellica ha subito un downgrade tecnico, ed è proseguita con altri mezzi che consentono all’aggressore di sopravvivere alla sua vittima, e di godersi il frutto delle sue razzie.
Tutte le proxy war dell’area che s’erano avvicendate e sovrapposte nei decenni sono state accorpate sotto un solo stendardo, e quella Terza Guerra Mondiale che sembrava ormai impraticabile s’è materializzata per la gioia di chi piangeva la fine della Storia.
La Storia però non finisce, né si cancella.
E tutte quelle testate nucleari capaci di distruggere l’intero pianeta in pochi minuti sono ancora attive.

[Nella foto la Kabul filosovietica, prima che la CIA cominciasse a finanziare i talebani] 

Share
Tagged with →