di Alessandra Daniele

Er-GrecoDopo aver suscitato speranze di riscatto in tutta Europa, Alexis Tsipras ha svenduto la Grecia ai cravattari, accettando un sanguinoso esproprio molto peggiore di quello che col referendum il popolo greco gli aveva conferito esplicito mandato di rifiutare.
In una notte i greci sono passati dall’OXI al WTF, nello scoprire che il paese gli era stato pignorato all’alba, e che Alexis Tsipras s’era rivelato un personaggio credibile quanto Alexis di Dinasty.
Intanto Matteo Renzi ci assicurava che l’Italia non potrà mai venire privata così della propria sovranità. Perché non l’ha mai avuta.
Là dov’era nata, la democrazia ha perso anche l’ultimo brandello di credibilità residua. Quelli che confidano ancora nella sua esistenza probabilmente sono gli stessi che cliccano sui banner con scritto “clicca qui”.
La democrazia oggi è così credibile che dovrebbe occuparsene Voyager.
La volontà del popolo non conta assolutamente un cazzo.
Ripeto.
La volontà del popolo non conta assolutamente un cazzo.
La cosiddetta dialettica democratica è ridotta a un’Opera dei Pupi nella quale due paladini di latta manovrati dallo stesso puparo mettono in scena uno scontro fragoroso quanto fasullo.
Le votazioni sono al massimo un sondaggio sulla popolarità del Front, del Cazzaro di turno, e un’occasione per qualche regolamento di conti fra capobastone locali.
Il potere rimane comunque gestito da un’intoccabile oligarchia miliardaria che ha la stessa etica della Banda della Magliana.
L’Unione Europea che hanno costruito è un mattatoio.
Anche Tsipras è quindi in realtà solo uno dei tanti cazzari? Verifichiamolo insieme col nostro pratico Cazzarometro, che li riconosce da alcuni dei loro tipici espedienti retorici.

”Cambieremo il paese”
”Non accetteremo di inchinarci davanti a nessuna costrizione. Combatteremo per la democrazia a livello sociale e a livello amministrativo. Ci riprenderemo la speranza, il sorriso, la nostra dignità”. Alexis Tsipras alla piazza dell’università ad Atene, gennnaio 2015
”Le nostre proposte si concentrano su riforme concrete che vogliono cambiare la Grecia’‘. Alexis Tsipras al parlamento di Strasburgo, luglio 2015

“Non metteremo le mani nelle tasche dei cittadini”
”Il popolo greco ci ha dato un mandato molto chiaro, la Grecia lascia l’austerità, lascia dietro di sé anni di oppressione, la Grecia va avanti con la speranza verso un’Europa che sta cambiando”. “Da domani cominciamo un compito molto difficile. Chiudere con il circolo vizioso dell’austerità, annullare il memorandum dell’austerità. Il popolo greco ha messo la troika nel passato, il popolo greco ci dà il mandato per un rinascimento nazionale”. Alexis Tsipras alla piazza dell’università ad Atene, gennnaio 2015
”Occorre rispetto per la scelta del nostro popolo”. Alexis Tsipras al parlamento di Strasburgo, luglio 2015.

“La responsabilità è del governo precedente”
”Per moltissimi anni i governi che si sono succeduti in Grecia hanno rafforzato la corruzione, creato uno stato clientelare, hanno rafforzato i legami tra potere politico e economia e hanno lasciato incontrollata l’evasione fiscale”. Alexis Tsipras al parlamento di Strasburgo, luglio 2015.

“Il paese è pieno di risorse. La ripresa è già cominciata”
”Abbiamo mostrato la nostra dignità al mondo e all’Europa. Questa battaglia porterà molti frutti”. “Dopo la prima revisione ci sarà la ristrutturazione del debito come richiesto anche dallo stesso FMI. È questo che mi permette di vedere la luce alla fine del tunnel”. Alexis Tsipras al parlamento greco, luglio 2015

“Pensiamo al futuro dei nostri figli”
”Abbiamo scelto un accordo che non ci piace, ma necessario per restituire un futuro al nostro popolo”. Alexis Tsipras al parlamento greco, luglio 2015

Controlliamo adesso la presenza dei due principali marker del Cazzaro:
il capovolgimento della realtà, e la negazione dell’evidenza:
“Non svendo il Paese, l‘accordo ottenuto è migliore del precedente”. Alexis Tsipras, luglio 2015

Il test è positivo.

Share
Tagged with →