di Alessandra Daniele

triello“L’Italia s’è offerta per un ruolo guida”

Secondo il ministro della Difesa USA Ashton Carter, ci siamo offerti di ricolonizzare la Libia.
Quand’è che ci siamo offerti di ricolonizzare la Libia?
Quando abbiamo votato per il governo Renzi.
Ma noi non abbiamo mai votato per il governo Renzi.
Le ultime elezioni per il parlamento nazionale si sono svolte nel 2013. Allora Renzi era sindaco di Firenze.
Sono passati tre anni da quando l’Italia ha scoperto d’essere spaccata in tre, e teoricamente ingovernabile. Quel giorno sono naufragati i sogni di gloria di Bersani e Monti, il tecnico che sembrava aver previsto tutto, tranne il fatto che gli elettori potessero schifarlo.
Così, l’Italia che nessuno degli eletti aveva i numeri per governare è stata governata da qualcuno che nessuno aveva eletto.
E che oggi quasi nessuno sopporta più.
Mentre la vernice dorata del PD renziano si scrostava a vista d’occhio, e i Golden Years della sua popolarità si riducevano dai venti previsti dai leccaculo più renziasti (entusiasti di Renzi) ad un paio scarso tutto compreso, anche gli altri due spicchi dello scenario tripartito si trovavano il loro renzoide, il loro aspirante Re Sóla quarantenne.

Il Buono
Luigi Di Maio non è il leader del M5S, perché il M5S ufficialmente non ha leader. Non è il candidato premier del M5S, perché il M5S ufficialmente non ha candidati premier. Non è nemmeno il boss della Maiana, la corrente Di Maio del M5S, perché il M5S ufficialmente non ha correnti. In fervente attesa del suo momento, Di Maio per adesso è il Sóla che non c’è. Alle prossime elezioni nazionali, i dirigenti del M5S lo convocheranno, lo prepareranno, lo testeranno, e al termine d’una lunga riunione, candideranno il ragazzo che gli ha portato le pizze. E ancora una volta riusciranno a non vincere.

Il Brutto
Matteo Salvini
è l’indispensabile collettore di voti del quale però nei salotti della destra si sogghigna. Salvini lo sa, e per questo è sempre incazzato. Non per gli immigrati, gli esodati, i tartassati, e tutte le altre categorie sempre presenti nei suoi pipponi populisti. Sa che i suoi alleati lo sostengono soltanto per mancanza d’alternative. Se e quando emergerà a destra un potenziale Re Sóla più presentabile, a lui toccherà tornarsene in Padania. L’intenzione è fargli fare tutto il lavoro sporco, e poi rispedirlo là da dov’è venuto. Salvini è sempre incazzato perché i suoi alleati lo trattano da negro.

Il Cazzaro
Matteo Renzi ultimamente è sempre più spesso all’estero, come se stesse cercando di farsi un alibi: “Dov’era lei quando l’Italia è stata massacrata?” “A Kathmandu, posso dimostrarlo, m’hanno visto e fotografato in centinaia. Mi sono anche geolocalizzato”. “Ma ci sono le sue impronte dappertutto sul luogo del delitto”. “Io e l’Italia ci eravamo frequentati, ma non la vedevo da mesi”. La tecnica elusiva di Renzi però in guerra difficilmente funzionerà. Gli USA s’aspettano da lui l’invio di altri 5000 soldati in Libia. E in guerra gli ordini sono ordini. AI Re Sóla che nessuno ha eletto e che probabilmente nessuno eleggerà mai, al Cazzaro che aveva promesso all’Italia il paradiso potrebbe toccare di guidarla all’inferno.
Share
Tagged with →