mooredude2.jpgmooredude.gifÈ uscito martedì negli Stati Uniti il nuovo libro del regista e scrittore Michael Moore, Dude. Where’s my Country? (Warner Books, 24,95 $) traducibile «Ehi tu, dov’è il mio paese?» (dove il «tu» è riferito a George W. Bush). Sulla copertina lo stesso Moore è impegnato a tirar giù una statua di Bush in una immagine che richiama l’abbattimento in diretta tv della statua di Saddam Hussein a Baghdad. Sullo sfondo una parata militare davanti al Campidoglio di Washington avvolto da uno striscione che dice «Leave no billionaire behind», ovvero: «non abbandoneremo nessun miliardario». Visto il successo del precedente Stupid White Man (all’inizio stampato in sole 50.000 copie, giunto ora alla 53a ristampa con 4 milioni di copie vendute nel mondo), del nuovo libro di Moore sono state tirate un milione di copie.

Il lancio pubblicitario ha visto uscire per 4 giorni consecutivi su una pagina del New York Times altrettante «misteriose» domande al presidente Usa: 1: «Caro Mr. Bush, è vero che i Bin Laden sono stati ripetutamente in affari con lei e la sua famiglia nel corso degli ultimi 25 anni?»; 2: «Caro “Signor Presidente”, in che consistono le “relazioni speciali” che uniscono i Bush alla famiglia reale Saudita?»; 3: «Caro “Signor Presidente”, chi ha attaccato gli Stati Uniti l’11 settembre, un tipo in dialisi da una caverna dell’Afghanistan, o i nostri amici dell’Arabia Saudita?»; 4: «Caro “Signor Presidente”, perché hai permesso a un jet privato saudita di volare in giro per gli Stati Uniti, nei giorni seguenti l’11 settembre, per prelevare membri della famiglia Bin Laden e farli uscire dal Paese senza una indagine dell’Fbi?».

Il libro sollecita il popolo, i media e i politici Usa contrari all’attuale amministrazione, a far di tutto per rimuovere Bush dalla presidenza, senza attendere la fine del mandato. Una richiesta di «impeachment» che Michael Moore rilancerà, presentando il suo libro, durante tutto ottobre in una trentina di città degli Stati Uniti. Per molti di questi appuntamenti c’è già il «tutto esaurito». Il libro, uscito anche in Gran Bretagna e Irlanda, dovrebbe arrivare entro l’autunno anche in Italia (e in un’altra cinquantina di Paesi).

(m.d.f. su il manifesto)

Share