di Alessandra Daniele

Magritte.jpg– Quella! – Il vigile indica una passante in nero. Il collega la guarda girarsi.
– È ‘na monaca.
– Cazzo, peccato. Potevo esse’ er primo a becca’ ‘na mussurmana burkata. Annavo sur tiggì.
– Pe’ l’ordinanza antimmigrati?
– Nun è antimmigrati – puntualizza il collega – è p’i diritti d’e donne.
– I diritti de che?… D’i capelli? Allora te n’c’hai diritti.
Il collega dalla testa rasata gli dà un’occhiata torva.
– E pe’ identificalle. Nun so’ riconoscibbili.

Indica un’altra figura tra la gente.
– Qua’ llà?…
– È n’omo. C’ha’r cappuccio.
– Sicuro che è n’omo?
– C’ha ‘a barba.
– Malimortacci…
Sbuffa.
– Ma com’è che nun ne passano? ‘Ndò stanno?
– Dice che ce ne so’ puro troppe. Mò però se saranno tappate ‘n casa.
– Ma ‘ste mussurmane se devono mette’ er burka nero puro drento casa?
– Esticazzi? L’ordinanza dice che debbono da esse’ riconoscibbili per strada.
Il collega indica un’altra passante.
– Quella!
– È ‘na negra, è nera de colore, ‘n c’ha er burka.
– Beccamola uguale, nun è riconoscibbile, è troppo nera.
– None. Io voglio becca’ ‘na burkata ve-ra! – Scandisce – Voglio anna’ sur ti-ggì!
– Dev’esse proprio una cor burka nero origginale, o basta ch’è coperta?
– Me basta coperta – si guarda attorno con aria triste.- a ‘sto punto me contento puro se ‘n testa c’ha ‘na tovaja.
– Quella llà! – Indica il collega – Cor fazzoletto!
– Evvai! Daje, beccamola!
I due vigili raggiungono la passante alle spalle, e la bloccano, la donna si gira, divincolandosi.
– Ma che cazzo state a fa’?
– A ma’!
– È tu’ madre?
– Certo che so’ io, a ‘mbecilli! – La donna molla una borsettata al figlio vigile – Ma che volevi, carcera’ tu’ madre?
– A ma’… perché stai coperta?
– Perché c’ho ‘a permanente fresca, cojone!
Il vigile china la testa.
– Scusa ma’.
– Scusa ar cazzo! M’hai fatto pijà ‘n corpo! Me credevo ch’eravate mussurmani!

[Nota personale: chi fosse interessato a un mio commento al piccolo vespaio suscitato da Il Dottore Stranamore, lo trova qui: La ragazza che ha aspettato abbastanza]

Share
Tagged with →