S_logo.gifSELVAS.org è un OSSERVATORIO privilegiato sulla realtà della regione andina. Privilegiato perché non è legato al mercato dell’informazione e perciò non deve soddisfare un esigenza di vendita o di lettore, ma ha come obiettivo la diffusione di notizie, avvenimenti e fatti che dai media tradizionali non vengono trattati – o trattati in modo folcloristico e superficiale – e che invece hanno un grande valore sia per i diritti umani e sia per le strategie geopolitiche della regione. Le Ande sono il centro di numerosi interessi economici, politici e sociali che richiedono, a nostro avviso, un’attenzione particolare e un impegno informativo vigile e costante.
SELVAS.org è SPONTANEO perché si avvale di lavoro volontario. Il volontariato è finalizzato alla comunicazione, alla diffusione e all’amplificazione della notizia o dell’approfondimento trattato. Questo lavoro viene offerto gratuitamente e richiede comunque il rispetto della nomina dell’autore, quando è firmato, e della citazione di questo sito come fonte. I collaboratori di SELVAS.org sono giornalisti, ricercatori, operatori di ONG o semplici osservatori delle dinamiche sociali, politiche e ambientali della regione andina. Spesso il sito si avvale di scritti, testimonianze, e altra documentazione di altra origine, ma sempre accompagnata dalla citazione della fonte.

SELVAS.org è INDIPENDENTE da un qualsiasi legame politico, economico e di tempo. Miserie e sfruttamenti di questa regione latinoamericana non hanno bisogno di uno sponsor politico; e sicuramente l’informazione che sta dalla parte degli oppressi non giova a nessuna azienda a meno di un documentato impegno equo e solidale. Per tutto questo il sito non ospiterà neanche un banner commerciale, e un particolare ringraziamento va al server di cui siamo ospiti.
Non vogliamo fare corse con il tempo, la fretta e la notizia a tutti costi.
Il consumo sfrenato di notizie usa e getta snatura il concetto di comunicazione, rende la notizia un prodotto commerciale. Nel corpo centrale della home page sono presenti “NEWS” che per loro natura meritano l’urgenza di essere comunicate, ma in generale preferiamo dare più importanza alle notizie includendole, nel tempo, in speciali contenitori così da offrire un approfondimento. Per questo motivo i DOSSIER saranno in continua evoluzione e aggiornamento e una volta creati saranno persistenti. Per soddisfare un approfondimento maggiore si ricorre all’uso di LINK che saranno presenti come note a fianco dei testi e anche nell’apposito spazio a loro dedicato nel sito.
Siamo indipendenti da tutto, ma non da eventuali CONSIGLI e CONTRIBUTI che sono i ben venuti soprattutto se perseguono le nostre cause sopraelencate, un coordinatore gestirà i contatti e la pubblicazione del materiale.

:: (05/11/2004) DOSSIER APEC CHILE 2004 ::

APEC: costruendo sottosviluppo
Di Umberto Bandiera

http://www.selvas.org/newsCH0404.html

A chiusura di due mesi di lavori, il 20 e 21 novembre si svolgerà in Cile l’annuale summit, alla presenza dei capi di Stato e di governo, tra i paesi membri dell’ A.P.E.C., l’organizzazione di cooperazione economica Asia-Pacifico, di cui fanno parte numerosi e importanti paesi dell’ area e, proprio per le sue dimensioni, rappresenta oggi la più importante organizzazione di tale tipo presente al mondo. Basti considerare paesi come gli U.S.A. e il Giappone, Taiwan e l’ Australia e da ultimo la Russia e la Cina. (…)
Ma proviamo a vedere da vicino questo colosso economico, che come le luci con le falene, ha attirato tre grandi paesi latinoamericani: Cile, Perù e Messico.

———-

:: (02/11/2004) DOSSIER BOLIVIA::

Minacce di secessione in Bolivia
Di Giovanna Vitrano

http://www.selvas.org/newsBO1404.html

Il potere economico delle multinazionali energetiche è un attento spettatore delle richieste di autonomia della “Media Luna”, il ricco oriente boliviano. Mentre il presidente Mesa dondola in equilibrio tra i doveri del suo mandato e le richieste delle industrie petrolifere, il Silent Weapon -l’arma silenziosa— compie la sua missione.

In questo dossier di Selvas.org offriamo i seguenti documentii:
– Appello-testimonianza inviato a Selvas.org: Bolivia Invivibile
– Appello delle organizzazioni di base: Contro il separatismo e la protezione delle multinazionali

———-

## :: (27/10/2004) Osservatorio sulle Ande: panorama internazionale ::

Declino del petro-dollaro?
Dal Venezuela, per Selvas.org, le analisi di Tito Pulsinelli

http://www.selvas.org/dossTerra11.html

Il duopolio Nymex-Ipe sigilla il potere del capitale finanziario anglo-USA nel settore strategico del petrolio, dove contano con le 4 multinazionali maggiori, e mette in luce la vulnerabilità crescente delle economie dei blocchi concorrenti. Mentre appare evidente che ancora non è possibile adottare unilateralmente il “petroeuro” c’è chi preme per la creazione di un terzo polo energetico-finanziario per collocare sul mercato autonomamente il proprio petrolio.

———-

## :: (28/10/2004) INTERVISTE DI SELVAS.ORG ::

31 ottobre: elezioni in Uruguay – Intervista a Raul Zibechi
Di Sergio Ferrari

http://www.selvas.org/InterRaulZibechi.html

In una America Latina che non si stanca mai di sorprendere da un punto di vista politico e sociale, le elezioni presidenziali dell’ultima domenica di ottobre in Uruguay anticipano molte novità. Lo confermano i sondaggi di metà mese, l’Encuentro Progresista-Frente Amplio-Nueva Mayoría – che riunisce una quindicina di correnti, realtà e suddivisioni di sinistra — salirà al governo per la prima volta nella storia. “Un momento molto singolare” enfatizza in una intervista esclusiva Raúl Zibechi, giornalista, analista e scrittore. Responsabile della sezione internazionale del prestigioso settimanale “Brecha” edito a Montevideo. Autore di diversi libri sui movimenti sociali, l’ultimo dei quali s’intitola “Genealogia della rivolta. Argentina. La società in movimento”

———-

## (27/10/2004) ECUADOR – ALCA e TLC Andino ::

TLC: la “V Ronda” delude tra le proteste
Da Guayaquil, Tancredi Tarantino

http://www.selvas.org/dossAL07.html

“Dicono che con il Trattato di Libero Commercio si elimineranno le barriere doganali. A noi sembra invece che si stanno alzando dei muri affinché i poveri diventino sempre più poveri ed i ricchi sempre più ricchi”. I movimenti sociali ecuadoriani indicono un referendum nazionale per decidere sul Trattato mentre i Governi andini escono “malconci” dalla prova di forza con la super potenza USA

——————————————-
CAMPAGNE:
——————————————-

## BOLIVIA/Giustizia: Il “Caso Villanueva”

“Javier Libre”
Appoggia la richiesta di giustizia: petizione
http://www.thepetitionsite.com/takeaction/881262818

Accusato di omicidio Javier Villanueva viene incarcerato e torturato, e
interrogato dalla DEA statunitense. Oltre Amnesty International il caso
interessa anche il giudice spagnolo Baltazar Garzon.
http://www.selvas.org/newsBO1104.html

——————————————-
ANTEPRIMA: i prossimi resoconti su www.selvas.org
——————————————-

## ARGENTINA: Una “strana” fabbrica: la Zanon

## DOSSIER DONNE/MUJERES: La donna Aymara

## COMUNITA’ ANDINA: Integrazione Andina:
35 anni dopo, sogno o realtà? (parte II)

————————————————————————

–>> Selvas.org è supportata dalla preziosa opera di
traduzione a cura dell’ASSOCIAZIONE TRADUTTORI PER LA PACE.
Per collaborare e conoscere l’associazione:
http://web.tiscali.it/traduttoriperlapace/index.htm

N.B. Il sito è frutto di un’opera informativa volontaria,
SIAMO SEMPRE ALLA RICERCA DI VOLONTARI DELL’INFORMAZIONE:
è facile, contattaci!! e-mail: info@selvas.org

Associazione Culturale SELVAS.ORG
Osservatorio Indipendente sulla Regione Andina
Sede Legale: Via delle Leghe 5 – 20127 Milano – ITALIA

Share